LogoFondazione 320

2. Le Ustioni Acute - Diagnosi

Definire tipo e gravità di un’ustione è fondamentale per la prognosi e per suggerire modalità, tempi di intervento e strategie chirurgiche.

Gli elementi da considerare sono:

ustioni-diagnosi-1

  1. Estensione. Di primaria importanza per la gestione complessiva del paziente, può essere calcolata nell’adulto con la regola del 9, una formula semplice e schematica, o con metodi più accurati, che tengono conto di alcune variabili in rapporto all’età.

    ustioni-diagnosi-2

  2. Profondità. È determinante per stabilire l'indicazione chirurgica, ma non di rado diviene evidente solo tardivamente (24-48 ore o più). Genericamente si distinguono ustioni superficiali, che interessano l’epidermide e in parte il derma, da ustioni profonde che comprendono tutto il derma e, eventualmente, il tessuto adiposo sottocutaneo, la fascia e le strutture sottofasciali. Un comune metodo classificativo le distingue in tre gradi, il 1° e il 2° identificano le ustioni superficiali, il 3° grado quelle profonde. Utili indicazioni offrono i parametri clinici riportati in tabella:

    USTIONE SUPERFICIALE   USTIONE PROFONDA
    normale/dolore SENSIBILITA' diminuita/assente
    Presenti ed estese FLITTENE assenti o piccole
    rosso, schiarisce alla pressione COLORE biancastro, bruno, rosso (non schiaraisce a pressione)
    normale/aumentata CONSISTENZA aumentata

     

  3. Sede dell'ustione. Il coinvolgimento delle aree funzionali, cioè quelle particolari aree dotate di funzioni molto articolate e raffinate o di particolare valore estetico (viso, mano, regione mammaria e perineale), caratterizzate da una maggiore complessità anatomica, diventa preminente nel caso di ustioni limitate e potrà condizionare il piano chirurgico.Nuova-immagine-42

Piccole ustioni e grandi ustioni

Le ustioni superficiali di limitata estensione e che non interessano le aree funzionali rappresentano in genere eventi patologici di modesta importanza, curabili ambulatorialmente con prodotti adeguati e guaribili in due settimane; non necessitano di terapia generale, tranne che per il controllo del dolore. Ustioni limitate, ma profonde, devono essere valutate da sanitari esperti e, soprattutto se interessano le aree funzionali, trovano indicazione al trattamento chirurgico. Le grandi ustioni, in cui il danno cutaneo è rilevante e si accompagna a complesse turbe dell’omeostasi, debbono invece essere prese in carico da centri specializzati, necessitano di terapie complesse, talora intensive.

L'ustione è un trauma devastante
che accompagna il paziente per tutta la vita

Conoscerla meglio è il primo passo per evitarla o limitarne le drammatiche conseguenze.