LogoFondazione 320

La cicatrice patologica

Gli esiti cicatriziali, immancabili vere e proprie patologie secondarie all’ustione, provocano non solo dolorosi problemi estetici, ma anche gravi danni funzionali, che condizionano il reinserimento dei pazienti nella società, nella famiglia e nel mondo del lavoro.


Cicatrice Patologica - Highlights

  • Titolo:

     

    “Correlazione tra cicatrici ipertrofiche e antigeni del sistema maggiore di istocompatibilità”.

    Anno:

     

    1988/89/90/91

    Coordinatore:

     

    Prof.ssa Patricia Momigliano Richiardi

    Sede:

     

    Dipartimento di Genetica, Biologia e Chimica Medica, Università di Torino.

    Descrizione:

     

    La formazione di cicatrici patologiche ha basi ereditarie: particolari gruppi etnici sono più soggetti di altri ed è stata provata anche la predisposizione familiare. Inoltre alcuni studiosi ipotizzarono un ruolo importante del sistema immunitario. Su queste basi l’obiettivo di questo studio è stato quello di identificare fattori genetici che predispongono alla formazione di cicatrici ipertrofiche e, di conseguenza, l’individuazione precoce di soggetti a rischio. Sono stati studiati circa una quarantina di pazienti, sia sul DNA che sulle cellule del sangue con una tecnica denominata tipizzazione HLA. L’ipotesi iniziale è stata confermata: esiste effettivamente un’associazione altamente significativa tra cicatrizzazione patologica e la presenza di antigeni del complesso HLA. Questi dati che in parte chiarificano un ruolo importante del sistema immunitario, aprono diverse prospettive terapeutiche nell’approccio clinico di questa patologia.

  • Titolo:

     

    “Analisi del ruolo funzionale dei linfociti infiltranti l’epidermide e il derma delle cicatrici ipertrofiche”.

    Anno:

     

    1997

    Coordinatore:

     

    Dott. Francesco Novelli

    Sede:

     

    Centro di Immunogenetica e Oncologia Sperimentale, Torino.

    Descrizione:

      I fattori patogenetici responsabili dell’alterato quadro immunologico osservato nelle cicatrici ipertrofiche non sono ancora del tutto definiti, pertanto abbiamo ritenuto fosse importante approfondire le conoscenze sul fenotipo funzionale dei linfociti T che infiltrano il derma e l’epidermide. Lo studio è stato effettuato su cicatrici ipertrofiche escisse durante interventi ricostruttivi, estraendo, clonando e ponendo in coltura i linfociti infiltranti l’epidermide e il derma. Inoltre si è estesa l'analisi alla produzione di linfochine sui cloni T ottenuti da una più ampia casistica. La conoscenza dei meccanismi cellulari e molecolari di questo importante fenomeno infiammatorio permette di mettere a punto strategie terapeutiche per il controllo e la cura dei fenomeni infiammatori osservati nella cicatrici ipertrofiche.
  • Titolo:

     

    “Caratterizzazione dei fattori coinvolti nel processo di formazione delle cicatrici patologiche post-ustione”.

    Anno:

     

    2009/2010

    Coordinatore:

     

    Dott. Maurizio Stella, Dott.ssa Carlotta Castagnoli

    Sede:

     

    Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/M.Adelaide, Torino.

    Descrizione:

     
    L’ipertrofia cicatriziale rappresenta uno dei problemi di maggior importanza nel periodo di guarigione del paziente ustionato, condizionandone sia il recupero funzionale che psicologico. Diversi fattori sembrano coinvolti nello sviluppo delle cicatrici ipertrofiche (età del paziente, sito e tipo della lesione, predisposizione individuale), ma il meccanismo patogenetico è sconosciuto. La ricerca si propone di allargare le conoscenze nel campo della patogenesi delle cicatrici ipertrofiche e di identificare il ruolo di fattori coinvolti nel processo di fibrosi che caratterizza le cicatrici ipertrofiche. Pertanto abbiamo rivolto l’attenzione sull’interazione tra sistema nervoso e infiammazione nel processo di riparazione delle ferite; l’interazione è confermata dal riscontro che le citochine associate alle cicatrici possono influenzare la reinnervazione modulando l’elongazione degli assoni. Inoltre è stato recentemente dimostrato che l’attivina ha un ruolo profibrotico: induce la proliferazione di fibroblasti e l’espressione di collagene. Questa molecola potrebbe essere importante nel network neuro-infiammatorio poiché oltre che nella fibrosi sembra essere coinvolta anche nei processi infiammatori.
  • Titolo:

     

    “Coinvolgimento delle proteine di fase acuta nell’induzione delle cicatrici ipertrofiche: target per nuove strategie terapeutiche”.

    Anno:

     

    2011/2012

    Coordinatore:

     

    Prof.ssa Tiziana Musso

    Sede:

     

    Dipartimento Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino e Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/M.Adelaide, Torino.

    Descrizione:

     

    Le cicatrici ipertrofiche costituiscono una sfida per il clinico perché non esistono trattamenti terapeutici veramente efficaci. Tra le diverse opzioni terapeutiche e preventive ricordiamo la terapia chirurgica, quella compressiva, il trattamento con laser o radiazioni e l’iniezione di corticosteroidi. La migliore conoscenza dei meccanismi fisiopatologici delle cicatrici ha portato allo sviluppo di nuove terapie che prevedono l’utilizzo di agenti biologici ad effetto antiproliferativo/antifibrotico diretto o in grado di modulare l’espressione di specifici fattori di crescita coinvolti nel processo di cicatrizzazione. E’ stato dimostrato che nel processo di riparazione delle ferite sono coinvolte molecole fondamentali come le molecole della matrice extracellulare (ECM) o fattori di crescita (TGF e FGF2) che possono interagire con altre molecole, quali la pentraxina 3 (PTX3). Oggi le cicatrici ipertrofiche possono essere trattate con una crema al 5% di Imiquimod. Questa molecola sintetica è un farmaco immunomodulatore capace di indurre localmente la sintesi ed il rilascio di citochine pro-infiammatorie e quindi di stimolare il sistema immunitario innato ed acquisito. I nostri risultati indicano che Imiquimod è in grado di inibire la proliferazione indotta da TGF, potente fattore profibrotico coinvolto nella cicatrizzazione ipertrofica. Studi sono in corso per chiarire i meccanismi alla base dell’inibizione da parte di Imiquimod.


  • Box descrizione Titolo: “Studio ultrastrutturale ed immunocitochimico delle cellule di Langerhans nelle cicatrici umane normali e patologiche conseguenti ad ustione.”
    Anno: 1987/88/89/90
    Coordinatore: Prof. Guido Filogamo
    Sede: Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana, Università di Torino

    Box descrizione Titolo:I miofibroblasti nelle cicatrici da ustione.
    Anno: 1988/89
    Coordinatore: Prof. Giulio Gabbiani
    Sede:Dipartimento di Patologia, Università di Ginevra.

    Box descrizione Titolo:Analisi dello stato di attivazione immunitario del tessuto cicatriziale ipertrofico.
    Anno: 1992
    Coordinatrice:Prof.ssa Patricia Momigliano Richiardi
    Sede:Dipartimento di Genetica, Biologia e Chimica Medica, Università di Torino.

    Box descrizione Titolo: “Evaluation of alpha-smooth muscle acting in burn granulation tissue as marker of wound evaluation”.
    Anno: 1993
    Coordinatore: Prof. Giulio Gabbiani
    Sede: Dipartimento di Patologia, Università di Ginevra


  • Box descrizione Titolo: “Analisi dell’espressione di citochine coinvolte nel processo riparativo normale e patologico delle lesioni da ustione”.
    Anno: 1993
    Coordinatore: Prof.ssa Patricia Momigliano Richiardi
    Sede: Dipartimento di Genetica, Biologia e Chimica Medica, Università di Torino

    Box descrizione Titolo: “Il significato delle integrine e delle molecole di adesione intercellulare nel processo di cicatrizzazione delle ustioni”.
    Coordinatore: Prof. Piercarlo Marchisio
    Anno: 1994
    Sede: Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano

    Box descrizione Titolo: “Analisi quantitativa e qualitativa della produzione di citochine coinvolte nella cicatrizzazione normale e patologica delle lesioni da ustione”.
    Anno: 1995
    Coordinatore: Prof.ssa Patricia Momigliano Richiardi
    Sede: Centro di Immunogenetica e Oncologia Sperimentale, Torino

    Box descrizione Titolo: “Analisi dell’espressione ectopica dell’antigene CD36 nell’epidermide di cicatrici ipertrofiche”.
    Anno: 1995
    Coordinatore: Dott. Massimo Alessio
    Sede: Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale san Raffaele di Milano


  • Box descrizione Titolo: “Aspetti epidemiologici e morfologici della cicatrice patologica post-ustione”.
    Anno: 1995
    Coordinatore: Prof. Simone Teich Alasia, Dott. Gilberto Magliacani
    Sede: Divisione di Chirurgia Plastica e Centro Grandi Ustionati, C.T.O, Torino

    Box descrizione Titolo: “Studio dei meccanismi eziopatogenetici e analisi dei marcatori immunologici per l’individuazione precoce delle cicatrici patologiche post-ustione”.
    Anno: 1997
    Coordinatore: Prof.ssa Patricia Momigliano Richiardi
    Sede: Centro di Immunogenetica e Oncologia Sperimentale, Torino

    Box descrizione Titolo: “Colture di cheratinociti isolati da cicatrici post-ustione prelevati in diversi stadi evolutivi: studio del ruolo di CD36 nella stratificazione e differenziazione epiteliale”.
    Anno: 1997
    Coordinatore: Dott. Massimo Alessio
    Sede: Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano

    Box descrizione Titolo: “Valutazione clinico-strumentale della cicatrice post-ustione: impiego della videomicroscopia ed analisi di immagine per obiettivare le varie fasi del processo cicatriziale”.
    Anno: 1997
    Coordinatore: Dott. Gilberto Magliacani
    Sede: Divisione di Chirurgia Plastica e Centro Grandi Ustionati, C.T.O, Torino


  • Box descrizione Titolo: “Ruolo delle citochine chemiotattiche nelle cicatrici ipertrofiche post-ustione e possibili implicazioni terapeutiche”.
    Anno: 1998
    Coordinatore: Dott.ssa Tiziana Musso
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino

    Box descrizione Titolo: “Analisi dei meccanismi che regolano la proliferazione e l’apoptosi dei linfociti infiltranti l’epidermide e il derma delle cicatrici patologiche post-ustione”.
    Anno: 1998
    Coordinatore: Dott. Francesco Novelli
    Sede: Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche, Ospedale San Luigi Gonzaga, Orbassano.

    Box descrizione Titolo: “Analisi dei possibili meccanismi apoptotici, di necrosi e di proliferazione cellulare implicati nel processo di cicatrizzazione normale e patologica dopo lesione da ustione”.
    Anno: 1998
    Coordinatore: Prof.ssa Patricia Momigliano Richiardi
    Sede: Centro di Immunogenetica e Oncologia Sperimentale, Torino

    Box descrizione Titolo: “Analisi dell’espressione di alcuni geni correlati all’apoptosi nella cute normale e nel tessuto cicatriziale patologico da ustione 1”.
    Anno: 1999
    Coordinatore: Prof. Guido Filogamo
    Sede: Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale, Università di Torino


  • Box descrizione Titolo: “Ruolo dei mediatori tissutali “aspecifici” nel modulare la risposta all’IFN dei linfociti infiltranti l’epidermide e il derma nelle cicatrici patologiche post-ustione”.
    Anno: 1999
    Coordinatore: Dott. Francesco Novelli
    Sede: Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche, Ospedale San Luigi Gonzaga, Orbassano.

    Box descrizione Titolo: “EVA – Epithelial V-like Antigen – una nuova molecola di adesione epiteliale della famiglia delle immunoglobuline: studio del suo ruolo nella stratificazione e differenziazione epiteliale fisiologica e nelle cicatrici ipertrofiche post-ustione 1”
    Anno: 1999
    Coordinatore: Dott.ssa Maria Guttinger
    Sede: Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano

    Box descrizione Titolo: “Alterazione della barriera lipidica dell’epidermide in cicatrici ipertrofiche post-ustione: ruolo dei recettori CD36 e HLA nel metabolismo lipidico e nell’induzione della risposta immunitaria da parte dei cheratinociti”.
    Anno: 1999
    Coordinatore: Dott. Massimo Alessio
    Sede: Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano

    Box descrizione Titolo: “Studio della modulazione a scopo terapeutico dell’espressione di citochine chemiotattiche e dei loro recettori nelle cicatrici ipertrofiche post-ustione”.
    Anno: 1999
    Coordinatore: Dott.ssa Tiziana Musso
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino


  • Box descrizione Titolo: “Analisi dei fattori immunologici coinvolti nelle varie fasi del processo evolutivo di differenti tipi di cicatrici post-ustione”.
    Anno: 1999
    Coordinatore: Dott.ssa Carlotta Castagnoli
    Sede: Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino

    Box descrizione Titolo: “Prospettive di utilizzo di modificatori della risposta immunologica nel trattamento delle cicatrici ipertrofiche post-ustione”.
    Anno: 2000
    Coordinatore: Dott.ssa Tiziana Musso
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino e Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino

    Box descrizione Titolo: “Valutazione della produzione e dell’espressione di fattori immunologici ed endocrinologici coinvolti nella formazione di cicatrici post-ustioni nelle differenti fasi del processo evolutivo”.
    Anno: 2000
    Coordinatore: Dott.ssa Carlotta Castagnoli
    Sede: Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino

    Box descrizione Titolo: “Analisi dell’attivazione di STAT1 e di IRF-1 in risposta all’IFNgamma nelle cicatrici patologiche post-ustione”.
    Anno: 2000
    Coordinatore: Dott. Francesco Novelli
    Sede: Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche, Ospedale San Luigi Gonzaga, Orbassano.


  • Box descrizione Titolo: “Identificazione di proteine differenzialmente espresse in cheratinociti provenienti da cicatrici ipertrofiche”.
    Anno: 2000
    Coordinatore: Dott. Massimo Alessio
    Sede: Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano

    Box descrizione Titolo: “Analisi dell’espressione di alcuni geni correlati all’apoptosi nella cute normale e nel tessuto cicatriziale patologico da ustione 2”.
    Anno: 2000
    Coordinatore: Prof. Guido Filogamo
    Sede: Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale, Università di Torino

    Box descrizione Titolo: “EVA – Epithelial V-like Antigen – una nuova molecola di adesione epiteliale della famiglia delle immunoglobuline: studio del suo ruolo nella stratificazione e differenziazione epiteliale fisiologica e nelle cicatrici ipertrofiche post-ustione 2”
    Anno: 2000
    Coordinatore: Dott. Maria Guttinger
    Sede: Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano

    Box descrizione Titolo: “Ruolo del CRF nell’evoluzione della cicatrice patologica da ustione”.
    Anno: 2000
    Coordinatore: Prof. GianCarlo Panzica
    Sede: Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale, Università di, Università di Torino


  • Box descrizione Titolo: “Studio funzionale delle cicatrice ipertrofica: ultrastruttura e valutazione dei fenomeni apoptotici in seguito a compressione”.
    Anno: 2002
    Coordinatore: Prof. Mario Cannas
    Sede: Dipartimento di Scienze Mediche, Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, Novara

    Box descrizione Titolo: “Ruolo dell'interleuchina 20 nelle cicatrici ipertrofiche post-ustione ”.
    Anno: 2002
    Coordinatore: Prof.ssa Tiziana Musso
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino e Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino

    Box descrizione Titolo: “Analisi dell'espressione delle isoforme del Trasforming Growth Factor b (1,2,3) in cicatrici post-ustione durante le varie fasi del processo evolutivo”.
    Anno: 2002
    Coordinatore: Dott.ssa Carlotta Castagnoli
    Sede: Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino

    Box descrizione Titolo: “Ruolo della Epilisina (MMP-28) prodotta dai cheratinociti nello sviluppo della cicatrice ipertrofica”.
    Anno: 2003
    Coordinatore: Prof. Mario Cannas
    Sede: Dipartimento di Scienze Mediche, Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, Novara


  • Box descrizione Titolo: “Ruolo delle cellule epiteliali nell’eziopatogenesi delle cicatrici ipertrofiche post-ustione: approccio multidisciplinare”.
    Anno: 2003
    Coordinatori: Dott.ssa Carlotta Castagnoli, Dott. Massimo Alessio
    Sede: Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino e Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano

    Box descrizione Titolo: “Regolazione dell’interazione tra cellule dendritiche e linfociti nelle cicatrici ipertrofiche post-ustione ”.
    Anno: 2003
    Coordinatore: Prof.ssa Tiziana Musso, Dott. Francesco Novelli
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino, Centro Ricerche Medicina Sperimentale, Ospedale San Giovanni Battista.

    Box descrizione Titolo: “Caratterizzazione funzionale di proteine TGF simili nel processo di formazione delle cicatrici patologiche post-ustione”.
    Anno: 2004
    Coordinatori: Prof.ssa Tiziana Musso, Dott. Francesco Novelli
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino, Centro Ricerche Medicina Sperimentale, Ospedale San Giovanni Battista.


    Box descrizione Titolo: Ruolo degli inibitori tissutali delle metalloproteinasi di matrice (TIMPs) nello sviluppo della cicatrice ipertrofica e nei fenomeni di regressione indotta".
    Anno: 2004
    Coordinatore: Prof. Mario Cannas
    Sede: Dipartimento di Scienze Mediche, Università del Piemonte Orientale



  • Box descrizione Titolo: “Ruolo di una proteina di matrice extracellulare (SPARC) nella regolazione della fibrosi in cicatrici ipertrofiche post-ustione ”
    Anno: 2004
    Coordinatori: Dott.ssa Carlotta Castagnoli, Dott. Massimo Alessio
    Sede: Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino e Dipartimento di Ricerche Biologiche e Tecnologiche, Ospedale San Raffaele di Milano.

    Box descrizione Titolo: “Cicatrici da ustioni: approfondimenti fisiopatologici e innovazioni terapeutiche”.
    Anno: 2005
    Coordinatori: Prof.ssa Tiziana Musso, Dott. Francesco Novelli, Dott. Maurizio Stella
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino, Centro Ricerche Medicina Sperimentale, Ospedale San Giovanni Battista e Divisione di Chirurgia Plastica e Centro Grandi Ustionati, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide di Torino

    Box descrizione Titolo: “Ruolo e caratterizzazione dei fattori infiammatori coinvolti nella progressione delle cicatrici ipertrofiche post-ustione”.
    Anno: 2006
    Coordinatore: Prof.ssa Tiziana Musso
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino

    Box descrizione Titolo: “Sindrome dolorosa in pazienti con cicatrici ipertrofiche post-ustioni: valutazione clinica e identificazione dei fattori neuroinfiammatori coinvolti.”
    Anno: 2007-2008
    Coordinatore: Prof.ssa Tiziana Musso
    Sede: Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia, Università di Torino


  • Box descrizione Titolo: “Colture di fibroblasti in vitro per il trattamento dei pazienti ustionati”
    Anno: 2008
    Coordinatore: Dott.ssa Carlotta Castagnoli, Dott. Maurizio Stella
    Sede: Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/CRF/M.Adelaide, Torino

    Box descrizione Titolo: “Ruolo di pentraxina e osteopontina nell’organizzazione della matrice extracellulare e nella progressione delle cicatrici ipertrofiche post-ustione”
    Anno: 2011
    Coordinatori:Dott.ssa Carlotta Castagnoli, Dott. Maurizio Stella
    Sede:Banca della Cute, Azienda Ospedaliera C.T.O/M.Adelaide, Torino.

L'ustione è un trauma devastante
che accompagna il paziente per tutta la vita

Conoscerla meglio è il primo passo per evitarla o limitarne le drammatiche conseguenze.